Cooperativa Raccolto
 
contatti
home


CARTA CANTA
Opere e testi di ivan


30 marzo – 29 aprile 2018
Spazio Francesco Virga
Biblioteca Comunale, Largo Sandro Pertini, 2
INVERUNO – MI


La mostra personale “CARTA CANTA” con opere e testi di Ivan Tresoldi
si svolge nell’ambito dell’iniziativa
INVERART

è una iniziativa di
Assessorato alla Cultura del Comune di Inveruno

a cura di
Cooperativa Raccolto

in collaborazione con
Società Umanitaria, Fondazione Per Leggere,
Artkademy e Rockantina's Friends

Mostre precedenti
Giuseppe Abbati
Frammenti di materia in 26 Combinazioni
Bros/Corti
La ricerca
e la
creazione
Furlan/Sabbatella
Passaggio
tra
elementi
Sonda/Garavaglia
L'unicità
del
dualismo
2014
CATALOGO
2015
CATALOGO
2016
CATALOGO
2017
CATALOGO





"Nasce il carattere". La scrittura di ivan in sala Virga.



Tanto da dire. Poesia che si da sentire

di tutti i discorsi che vorrei fare
come quando hai tanto da dire e non ti vengon le parole
la poesia ne vuol star pochi qui a sentire
che non mi fa mai pentire di saper che dietro le porte che vogliamo bussare
ma sia chiaro comunque aprire
occorre vi sian tanti a capire
a stare a sentire ora che ci rifacciamo sentire noi
ora che ci scriviamo nuovamente tra di noi
senza dover esser bravi con le parole o bravi il bivio Don Abbondio eroi
meglio con le capriole del mondo sottosopra casomai
che c'hanno insegnato tanto
dal muro per la radio divampo
al colore che s'è gettato millanni ancora le strade
l'ancora delle dita gelate e quella notte da conservare
dagli inganni della memoria tradita
da quella mistura di privilegio e conservazione della tradizione
che ha paura del pensiero straniero
quella malagente figlia della meglio nazione
che vede grigio il colore
e te come un delinquente
a spasso invece che andate a lavorare
al paragone
che spasso invece colorare
a scasso gl'orli d'una stazione
col cuore che trema dalla corsa e uno scarabocchio cucito il cuore come l'amore
se credi alle favole non ne scriverai mai la storia
impara a memoria la memoria
studia e fai d'una barricata la tua sbornia
e non scordar quant'è splendida la rivolta
che svolta
chiedersi se saremo all'altezza del nostro tempo
della nostra cultura e della nostra testa dura
mi chiedo chi combatterà l'inverno e chi sarà fiore primavera
sguardo alto la radura
poesia perché la poesia sta negli spazi che ti prendi e non che ti son dati
sta nei quartieri dove siamo nati
ritratto per il peccatore e per i condannati
per la signora egiziana del primo piano di Giambellino
per quella siciliana a Catania quartiere Librino
per Inveruno e per me Oppi bambino
per chi s'è dipinto un cortile in un mattino
per chi in città ci vuole andar a fare solo casino
per chi vuol farci un lavoro
per chi è ancora clandestino
per chi tiene duro
per chi lo conosce la gente e per chi resta nessuno
poesia a chi gli capita
a chi s'incazza o si commuove
a chi scalpita ma non si muove
a Wiola che diventa grande giorno per giorno
a quella sera che abbiamo alzato la voce senza più far ritorno
a chi dipinse i treni cent'anni fa per la rivoluzione d'ottobre
per le poesie sui muri delle parigine di ritorno dalla rivoluzione
per il futurismo libertario che faceva dei muri libri vivi
per i graffiti delle grotte rupestri
per i graffiti di oggi che poi son sempre questi
per i dispersi e per chi s'è ritrovato
per chi ci crede e sembra rinato
per chi s'è sbagliato
per chi di noi s'è tagliato ma ce la mette fino le ossa
per ogni sconfitta e per ogni piccola riscossa
per chi in onda questa mattina contro la repressione
per la condivisone
perché neanche noi abbiam sempre ragione
perché c'è tanto da discutere sulla questione
per il muralismo e la poesia di strada
per la libertà e poter sproloquiare della ragione
ritratto la legge e chi la protegge
poesia per le schegge e'l diritto che manderemo in frantumi
perché c'è qua uno che ama le curve tonde
un altro che salta i burroni senza le funi
uno che mangia frastuoni a colazione
una ragazzina che ha la pelle di colore viola
come a dare la parola
le macchie i pantaloni e le buone azioni
di brave persone dalle pessime intenzioni








Inaugurazione venerdì 30 marzo 2018 alle ore 18.30

Orari:
Martedì 14.00/18.00 – 20.00/22.00
Mercoledì 9.00/12.30 – 14.00/18.00
Giovedì 14.00/18.00
Venerdì 14.00/18.00
Sabato 9.00/12.30 – 14.00/16.30
Domenica 10.30 - 12.30

Per saperne di più:
0331 875337
02 9728579

raccolto@raccolto.org

biblioteca@comune.inveruno.mi.it


Padiglione d'Arte Giovane 2007. In mostra anche la Scuola del Libro dell'Umanitaria.

Un altro seme da coltivare insieme

di Nicoletta Saveri
Assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili del Comune di Inveruno

“Dentro InverArt” ritorna per il quinto anno negli spazi della Biblioteca Comunale, presentando una personale di Ivan Tresoldi, artista e poeta milanese conosciuto soprattutto per i suoi “assalti” poetici negli spazi pubblici.
L'arte di ivan non può essere contenuta in una stanza, nel chiuso di uno spazio espositivo ma contamina strade e luoghi aperti, scenari di tante vite comuni, entra in relazione con il contesto sociale portando la cultura al centro dell'attenzione pubblica.
Questo inserisce pienamente la proposta artistica di ivan nel progetto che il Comune di Inveruno insieme alla Cooperativa Raccolto promuove da più di dieci anni: valorizzare l’arte contemporanea in tutte le sue forme, dando spazio a giovani talenti.
Proprio per la natura aperta del suo linguaggio espressivo, Ivan Tresoldi ha fatto precedere l’inaugurazione della mostra da un incontro con gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore Giovanni Marcora sul valore della scrittura. Inoltre, la sua forza espansiva invaderà anche le vie del nostro paese: durante il periodo di apertura della mostra negli spazi di pubblica affissione compariranno versi poetici che, auspico, stimoleranno i cittadini a pensieri nuovi.
Ringrazio Francesco Oppi per la direzione artistica e tutta la Cooperativa Raccolto per essere importante partner di questo ambizioso progetto culturale, unico nel nostro territorio e non solo. E ricordo a tutti l’appuntamento nei chiostri dell’Umanitaria nel prossimo giugno... Per festeggiare insieme i quindici anni anni di Inverart.



ivan – genio e “regolatezza"


“Ci sono molte cose da dire e da fare, ma da dire solamente non ce n’è”
(motto del Guado – 1972)


Genio e sregolatezza…. Eh no; ivan è competenza e serietà, progetto e disciplina.
Una bellissima scoperta, un giovane uomo che parla i linguaggi della contemporaneità: un oggi che se è vero è già futuro, come sempre quando scaturisce da un artista. E ivan lo è. Affascinante, poliedrico, impegnato e disincantato.
Scrive, e provo ad entrare nel suo modo di farlo (d’altronde “il poeta sei tu che leggi”), in punta di piedi, facendo cenno a qualche riferimento che ho trovato e che lui potrà rileggere: Ungaretti e le sue foglie d’autunno, l’amore raccontato per, e dentro, Dante e la sua Comedia; tanta Milano e tanta canzone d’autore – ivan è anche musicista – Ivano Fossati, il Maestro Enzo Jannacci, Fo e l’ottimo Caparezza…
Scrive, e scrive bene, gusta le parole, le pesa con precisione e le fa gustare. Dalla Sicilia a Milano ad unire, porta la sua poetica sferzante per il mondo.
Senza ruffianerie.
Inorgoglisce la difesa della lingua italiana nel racconto maieutico, sincero e vibrante, che fa agli studenti con cui s’incontra; ivan è un vero patriota (un concetto che lo può spiazzare, ma sono altri a doversi spiazzare), è così. Inorgoglisce la volontà di sostenere la nostra lingua ed i suoi lemmi, palese e vivissima nelle sue poesie che si impiantano su una creatività primigenia, rupestre, tipica dell’artista, e poi vengono cesellate per spigolare curve e arrotondare spigoli, come si deve fare, naturalmente stando attenti alle “scaglie”; e il risultato è poesia.
ivan frequenta il mondo da dentro, si definisce tra le arti: poesia, pittura, teatro e musica, con umiltà e passione. Soprattutto con amore, quell’“amor c’ha nullo amato amar perdona” di uno dei suoi canti preferiti.
Stamane eravamo insieme al Marcora di Inveruno (Istituto superiore, classi di moda e grafica) e l’ho visto con un centinaio di ragazzi, un’ora e mezza di intervento: se “chi getta semi al vento farà fiorire il cielo” , ho visto un artista gettare vento su quei semi in modo da fortificare le radici.
Con buona pace di chi pensa poco (e male) alle nuove generazioni.
Dunque quel motto del Guado è buona regola. Avanti!

23 marzo 2018

Francesco Oppi

Ivan Tresoldi incontra alcune classi dell'Istituto Superiore G. Marcora di Inveruno.
Un momento creativo ad Inverart (P.d'A.G. 2012).



Vedi anche:
Articolo su EComunità (Danilo Lenzo)
Sito del Comune di Inveruno (pagina dedicata alla mostra)
Biblioteca di Inveruno (pagina social)

L'artista al lavoro in sala Virga a Inveruno.



Pagine dal catalogo/giornale Raccolto Edizioni (marzo 2018).






Cooperativa Raccolto